Festa di San Giuseppe a Ramacca
Events

Festa di San Giuseppe a Ramacca

Festa di San Giuseppe a Ramacca a Ramacca
Il 18 e 19 marzo la città siciliana di Ramacca (CT) festeggia San Giuseppe con grandi tavole imbandite per le grazie ricevute. La devozione a San Giuseppe ha radici antichissime, infatti, fin dalla fondazione della città, in ramacchesi hanno voluto rifugiarsi sotto il suo manto protettore, facendolo Patrono. I festeggiamenti in onore del Santo sono articolati in due momenti differenti: il 19 marzo e la seconda domenica di settembre.

Gli altari, sono grandi “Tavolate” imbandite dai devoti per una grazie ricevuta, sulle quali vengono sistemate ad arte, pietanze di tutti i tipi, tra le quali non possono mancare, le frittate, i biscotti , i dolci e le tradizionali forme di pane di Ramacca. La tavolata viene divisa in due parti uguali, di cui una viene consumata il giorno stesso da “i tri pirsuni”, rappresentanti la Sacra Famiglia di Nazareth, e l’altra dagli amici e parenti del devoto.

Questa rappresenta un’occasione per aiutare le famiglie disagiate della nostre città, “i tri pirsuni” infatti vengono scelti tra le famiglie più povere della nostra comunità, questi, devono assaggiare ognuna delle innumerevoli portate (con i partecipanti che inneggiano a gran voce al Santo e alla Sacra Famiglia), e che alla fine del pasto avranno in dono metà dei cibi disposti a tavola.

Il resto va alla famiglia che ha allestito l’altare e a parenti ed amici invitati per l’occasione o che hanno partecipato alla preparazione delle vivande il pane sacro di varie forme (a cuddura, a forma di anello, il cuore simboleggiante la Sacra Famiglia, la palma dedicata alla Madonna, bastone fiorito di S. Giuseppe) occupa un posto importante negli altari. E’ questa una delle tradizioni più belle e sentite nel paese, che unisce ritualità e simbologia secolare, solidarietà comunitaria, ospitalità.

La sera del 18 marzo è tradizione visitare gli altari di S. Giuseppe in tutte le case che per l’occasione sono aperte fino a tarda ora ad accogliere tutti i visitatori. Il 19 marzo un grande altare viene allestito nella piazza principale con le offerte e i contributi dei privati cittadini, e a tutti i presenti viene offerta la tipica pasta co’ maccu (pasta con lenticchie e purea di fave).

Tre poverelli rappresentanti San Giuseppe, la Madonna e il bambino Gesù sono invitati a consumare il pranzo rituale, e nel pomeriggio tutte le offerte in natura vengono messe al pubblico incanto; si ripete così una tradizione fatta di linguaggi, gestualità e furbizia contadina. Il ricavato dell’asta viene donato alle famiglie bisognose. Poiché offrire l’altare tradizionale è molto costoso, esso può essere sostituito dall’offerta di pane rituale, o dall’usanza de virgineddi cioé nell’invitare ad un pranzo a base di pasta co maccu, frittate e polpettine di verdura di campagna, un gruppo di bambini, sempre in numero dispari; alla fine del pranzo questi ricevono in dono una forma di pane sacro, una bella arancia, un finocchio dolce, una lattuga fresca.

La seconda domenica di  settembre si svolge una seconda Festa dedicata a San Giuseppe, con la rituale processione, gli spettacoli pirotecnici, mostre fotografiche, etnografiche e concerti musicali.

Per maggiori informazioni:

Ultima modifica: 2017-03-15 11:20


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

PRENOTA
Informativa ex D. Lgs. n. 196/03 – Tutela della privacy.I dati personali raccolti con questa scheda vengono trattati per la registrazione al sito, per elaborazioni di tipo statistico, e per l’invio, se lo desidera, di informazioni su attività e servizi de "Il Leone Blu" con modalità, anche automatizzate, strettamente necessarie a tali scopi. Informiamo ancora che la comunicazione dei dati è obbligatoria e l’eventuale rifiuto potrebbe comportare il mancato puntuale adempimento delle obbligazioni assunte dal nostro sito per la fornitura del servizio da Lei richiesto. Titolare del trattamento è "Il Leone Blu". Potrà esercitare i diritti di cui all’articolo 7 del D. Lgs. n. 196/03 (accesso, integrazione, correzione, opposizione, cancellazione) scrivendo a "leoneblucatania@gmail.com". I dati saranno trattati, per "Il Leone Blu", da addetti preposti alla gestione dell’iniziativa e dall’amministrazione. Consenso – Letta l’informativa, *con la compilazione della presente scheda consento al trattamento dei miei dati personali con le modalità e per le finalità indicate nella stessa informativa * attraverso il conferimento dell’indirizzo e-mail, del numero di telefax e/o del numero di telefono consento all’utilizzo di questi strumenti per l’invio di informazioni utili.